Il 15 aprile artisti, abitanti del quartiere, studenti, attivisti e liberi cittadini hanno occupato la Sala Cinema Palazzo che si trova in piazza dei Sanniti nel quartiere San Lorenzo di Roma.

All’inizio del 1900 l’allora Cinema Teatro Palazzo vide ospiti di rilievo come Ettore Petrolini e Totò. Finchè dopo alcuni decenni di attività culturale venne trasformato prima in una sala da biliardo e poi in una sede del Bingo. Ora la società Camene spa ha intenzione di costruire un casinò nel bel mezzo di San Lorenzo nonostante l’opposizione dei cittadini e di tutti coloro che stanno lottando per evitare che, sottratto l’ennesimo spazio destinato alla cultura, sia trasformato in un casinò.

Per artisti e cittadini che ormai da più di tre mesi occupano l’ex Cinema Teatro Palazzo si tratta di una vera e propria “liberazione” mantenendo vivo lo spirito con cui era nato un secolo fa con incontri, attività culturali, proiezioni cinematografiche e spettacoli teatrali . Tra gli artisti vi sono registi, attori, sceneggiatori, attivi nel mondo del teatro, del cinema e della televisione, da Sabina Guzzanti a Elio Germano.

Ma chi sta dall’altra parte? Chi è la Camene spa? È una società privata che ha iniziato la ristrutturazione del palazzo volta all’allestimento di un casinò con giochi virtuali e slot machine. La società è composta da diverse società e da vari imprenditori, i cui nomi non sono del tutto nuovi. Tra le società vi sono Stube spa, Efelia srl, Liana srl e AAMS, Azienda autonoma monopoli di Stato. La Stube spa svolge attività di revisione contabile e amministrativa ed effettua operazioni mobiliari e immobiliari, finanziarie in Italia e all’estero. La Stube spa emerge insieme ai nomi ben noti di Filippo Balducci e Diego Anemone in merito al Salaria Sport Village. Nel maggio 2004 Filippo Balducci e Diego Anemone costituiscono la Società Sportiva Romana e rilevano l´ex centro sportivo della Banca di Roma a Settebagni. Pochi mesi dopo cedono le proprie quote alla Stube Spa e alla Fidear che acquistano la Società Sportiva di Roma e costituiscono contestualmente il Salaria Sport Village. Silvio Berlusconi sceglie Angelo Balducci come commissario straordinario per i Mondiali di Nuoto e il Salaria Sport Village presenta il progetto di ampliamento del centro sportivo di Settebagni in una zona vincolata agricola e in un´area di esondazione.

Tra i nomi degli imprenditori spicca quello di Francesco Aracri, deputato Pdl che risulta inoltre essere il presidente del centro studi Imago di cui sono vice presidente e socio fondatore rispettivamente Umberto Crivellone (il cui nome compare in un file indirizzato a Storace in merito alle tangenti nel Lazio) e Domenico Kappler (intercettato dalla procura di Velletri riguardo rapporti tra n’drangheta e gli appalti del pontino). Inoltre, Francesco Aracri l’8 giugno 2011 ha accusato gli “occupanti” del Cinema Palazzo di non rispettare la legge della finanziaria del 2007 che liberalizza il gioco come incremento delle entrate dello Stato. E per finire, spiega che la società Camene spa incrementerebbe il Pil attraverso l’assunzione di un elevato numero di lavoratori. La società Camene spa avrebbe anche chiesto tutte le concessioni, a detta di Francesco Aracri, ma in realtà non si è espresso su un’eventuale autorizzazione da parte dello sportello unico del Commercio. San Lorenzo e gli occupanti del Cinema Palazzo dedicando la sala a Vittorio Arrigoni, l’attivista italiano rapito e ucciso in Palestina lo stesso giorno in cui è stato occupato lo stabile, dicono no al casinò lottando quotidianamente affinché la Sala Vittorio Arrigoni continui a vivere come luogo di espressione culturale.

Foto di martina.c