"La pratica dello sport è un diritto dell'uomo" recita la Carta, ma nelle Olimpiadi moderne non c'era posto per donne, neri, disabili, trans, musulmani. Il libro di Mauro Valeri analizza la gara delle diversità verso il loro riconoscimento.