Dall'incontro tra Bersani e Berlusconi sfuma sempre più l'idea di un governissimo, ma non l'elezione di un Presidente condiviso.