I rifugiati che giungono nei campi profughi del sud del Sudan, sfuggendo alle violenze dei ribelli, sono così tanti da mettere in crisi i servizi idrici e le scorte alimentari fornite da Medici senza frontiere.