Il partito repubblicano del presidente Sargsyan vince le elezioni, ma la democrazia nel piccolo Paese euroasiatico continua a perdere tra osservatori e passaporti con timbri che sbiadiscono.