La fuga di Amina è l’ultimo evento della storia contesa fra un femminismo occidentalizzato e uno localmente declinato da attiviste arabe e musulmane che rivendicano strumenti di lotta alternativi.