Mentre il ministro tedesco elogia le politiche restrittive, occupazione e crescita si allontanano. A farne le spese sono i giovani, le famiglie e le piccole imprese.