Sarà Enrico Letta, nipote del braccio destro di Berlusconi, a cercare di creare il governo delle grandi intese. E parte già il toto-ministri. Si fanno i nome di Monti e Padon per gli esteri e l'economia.