I ribelli di Séléka prendono il potere, Djotodia si auto-proclama presidente. E la Francia sta a guardare, mentre Msf parla di “situazione umanitaria catastrofica”.